Il Giuoco

in

Il Giuoco

Tratto da “Il Giocatore” di F. M. Dostoevskij

Spettacolo teatrale dedicato al gioco e alla dipendenza, tratto dal testo “Il Giocatore” di Fëdor Michajlovič Dostoevskij, una delle penne più brillanti a livello mondiale, egli stesso toccato nel vivo della dipendenza da gioco. L’adattamento, a cura di Letizia E.M. Piva, consente di affrontare in modo innovativo un dramma della società contemporanea.

I giocatori sanno bene che si può resistere addirittura per ventiquattr’ore di seguito con le carte in mano senza neanche gettare un’occhiata a destra o a sinistra” è la frase emblematica che può spiegare il legame profondo tra gioco e follia, tra incoscienza e malattia. Da sempre gli uomini sono stati attratti dal gioco d’azzardo, spinti dalla prospettiva di facili guadagni o semplicemente per il gusto di sfidare la sorte.

In tempi recenti il gioco è diventato Affare di Stato. Si è adeguato alle nuove tecnologie e alle esigenze dei fruitori, ben presto diventati le vittime di un sistema spietato nella sua apparente semplicità. Purtroppo è in situazioni di disagio e di povertà che questo problema si sviluppa con ancor più tenacia e si radica nella società.

 

Ph. @Alice Piva

Galleria Immagini